I bambini di Zamboanga

IMG_4874

(ANSA) – BANGKOK, 10 SET – E’ in corso per il secondo giorno lo stallo armato tra le forze di sicurezza filippine e circa duecento separatisti islamici a Zamboanga, nel sud dell’arcipelago, dove ieri mattina un blitz dei guerriglieri ha scatenato una battaglia che ha causato almeno otto morti e 24 feriti, con circa 170 civili presi in ostaggio dai ribelli: sei di essi, tra i quali cinque bambini, sono stati liberati questa mattina. All’alba la città ha visto dei brevi scontri a fuoco, che però non sembrano aver provocato vittime.

Una piccola notizia, lanciata addirittura dal corrispondente in Thailandia per raccontare l’ennesimo sangue nelle Filippine. Poche righe per riassumere una tragedia in cui sono stati coinvolti anche bambini. Li ricordo bene i bambini di Zamboanga: felici, sorridenti, amanti della vita come lo sono tutti i bambini del mondo. Ricordo anche il paradiso di Mindanao, quell’isola magica in fondo all’arcipelago e le preghiere per padre Bossi. Per me quel posto non è lontano, ma è vicinissimo.

Advertisements

Leave a comment